aktuell news head it

indien webseiteIndia: una sentenza inaspettata

Nello Stato di Orissa dopo una lunga controversia giudiziaria la Corte suprema ha deciso a favore della comunità cristiana oggetto nel 2008 di gravi atti di violenza da parte degli estremisti indù.

La Corte suprema di Orissa ha sancito che le autorità locali dovranno risarcire finanziariamente i 6000 cristiani che, dieci anni fa, hanno perso un familiare nelle stragi messe in atto dagli integralisti indù. Si è trattato di una conclusione inaspettata, che ha sorpreso gli avvocati delle parti lese.

Nel 2008, dopo l'omicidio del guru indù Swami Laxmanananda per mano di un sicario rimasto sconosciuto, gli induisti radicali si scatenarono contro i cristiani del luogo: per diverse settimane misero a ferro e fuoco le loro proprietà, devastando oltre seimila abitazioni, danneggiando o demolendo le chiese e mettendo in atto una vera e propria strage di cristiani. Le fonti ufficiali hanno parlato di 38 vittime, ma i credenti locali raccontano di un centinaio di omicidi.

Ovviamente nessun risarcimento finanziario può alleviare il dolore e il trauma dovuto a questa vicenda, ma lo sviluppo viene visto come un barlume di speranza per i cristiani nel luogo, che spesso subiscono violenze e persecuzioni.