aktuell news head it

Sudan del Sud 32

Sudan del Sud | Da bambina al ruolo di madre

Si sente sempre più spesso parlare di condizioni di vita difficili nel Sudan del Sud. Così è per Viola e i suoi fratelli. Il nostro partner locale, l’organizzazione Hope Vision, porta un aiuto e una speranza a persone come loro.


Viola è la primogenita in una famiglia del Sudan del Sud. Ha frequentato le elementari, ma dopo la morte della madre ha dovuto abbandonare le scuole per prendersi cura dei suoi tre fratellini. La bambina non se l’è però sentita di seguire anche sua sorella, di soli otto mesi. Nessuno sa chi sia il padre di Viola. La madre aveva avuto i quattro figli tutti da uomini diversi. Ecco perché neanche i parenti vogliono aiutarla. «Sono triste - ammette Viola - Non è colpa mia se mia mamma ha fatto degli errori. Ma ora devo portare questo peso».

Dopo la morte della madre, per Viola e i suoi fratelli comincia una vita difficile. Per avere i soldi per comprare del cibo, decide di vendere banane sul ciglio della strada. Purtroppo, quel lavoro non è particolarmente redditizio. Così si mette a intrecciare i capelli alle persone, creando i dreadlocks. Ma si diffonde la maldicenza che le sue mani trasmetterebbero delle maledizioni e questo porta al fallimento della sua attività.

Oggi questi orfani vivono in una stanza rivestita di ferro ondulato, il cui affitto costa l’equivalente di circa 4 euro al mese. Qualche mese fa Viola inizia a fare la lavapiatti in un ristorante. Le viene permesso di portare a casa gli avanzi dei clienti e, grazie a quello stipendio, è in grado di pagare l’affitto. A causa del Covid-19, il lavoro si ferma. In quella situazione senza speranza, la famigliola viene trovata dal nostro partner, l’organizzazione Hope Vision.


Una piccola squadra li ha visitati e ha parlato loro di Gesù Cristo. Poi hanno pregato con loro, fornito cibo e sapone e dato un’iniezione di speranza e coraggio.


«Sono contenta che per qualche settimana non dovrò preoccuparmi e potrò dormire più serena», afferma Viola, visibilmente sollevata. Lei vorrebbe visitare un centro di formazione professionale per imparare alcune abilità pratiche, così da aiutare ancora meglio i suoi fratelli.


Viola è molto grata per il sostegno e le preghiere che ha ricevuto: «Gli angeli mi hanno fatto visita, non lo dimenticherò mai!».


Continuiamo a pregare per la protezione e l’assistenza alle famiglie del Sudan del Sud, che affrontano situazioni molto difficili.