aktuell news head it

Bhutan 27

Bhutan: traduzione biblica Dzongka allo sprint finale

La traduzione della Bibbia in lingua Dzongka è stata completata. Ora un gruppo di persone è impegnato nel lavoro di correzione finale. Per i responsabili del progetto è importante che la qualità della traduzione e la chiarezza nell’esposizione dei contenuti siano i migliori possibili.


L’obiettivo è di stampare 3.000 Bibbie Dzongka in una tipografia di Delhi entro la fine di giugno. Il trasporto è già organizzato: le Bibbie saranno dapprima conservate dai cristiani locali sul lato indiano del confine; poi da lì verranno gradualmente portate verso il Bhutan attraverso il “confine verde”. Il responsabile dell’Alleanza evangelica bhutanese parla di una lunga lista d’attesa di cristiani che aspettano la nuova edizione della Bibbia in Dzongka.


La persecuzione dei cristiani in Bhutan non viene dallo Stato ma dalla parte religiosa, in particolare da buddisti e induisti. «So che le comunità cristiane nel nostro Paese stanno spuntando come funghi e che non possono essere fermate - ha dichiarato il re del Bhutan in un discorso televisivo nel 2019 - Desidero soltanto che buddisti, indù e cristiani vivano insieme in pace». Il re, la polizia e i funzionari statali sono consapevoli del fatto che i cristiani siano brave persone e che le loro opinioni e le loro azioni influenzino il Paese e il popolo positivamente.


ACP sostiene la realizzazione della traduzione della Bibbia in Dzongka, grazie al sostegno di una chiesa svizzera, ed è impegnata in Bhutan nella formazione di evangelisti e di persone che fondino delle nuove chiese.