aktuell gebetsanliegen head it

Preghiera 2Italia | A pochi passi dalla speranza

«È un onore per me avere a disposizione dei pacchetti regalo da consegnare in giro per la mia amata città - sorride Samuele Russo, collaboratore di ACP a Parma - Da quando sono arrivati, ne porto con me sempre una decina, li conservo in auto. Ne ho consegnato uno ad un ragazzo che chiedeva l'elemosina sotto il mio ufficio e altri a famiglie bisognose locali».

In particolare, una domenica, passando da un supermercato, Samuele nota un uomo seduto a terra accanto alla sua bicicletta, in apparente stato confusionale. È un ghanese sulla sessantina, con lo sguardo perso nel vuoto e una lattina di birra vuota. Quanti pensieri possono affollare la mente di un uomo non più giovane, in un Paese lontano. Ma la speranza era lì, a pochi passi.

«Ciao, sono Samuele. Come ti chiami?».

«Ciao, sono Jackson».

«Posso farti un regalo?».

«Un regalo? Per me?».

«Certo, è un piccolo pensiero. Lo apriamo insieme? Così ti faccio vedere che cosa c’è».

«Ok».

«Guarda: spaghetti, riso, zucchero, cuffie, mascherine...».

«Wow! Ci sono anche i leggings! Sicuramente piaceranno a mia moglie...».

Commosso e stupito, l’uomo non riesce a credere che quella giornata così brutta e piovosa si è appena trasformata in un momento di gioia.

«Questo pacco è pesante… Come faccio a caricarlo?», dice guardando la sua bicicletta.

«Non ti preoccupare. Guarda, è facile! Senti, prima che me ne vada, posso fare una preghiera per te?».

«Certo… Grazie».

«Hai detto che sei del Ghana, lo vedi quel palazzo là in fondo? Tutte le domeniche alle 10 c'è un gruppo di tuoi connazionali che si riunisce. Valli a trovare. Dio ti benedica».

Dopo aver pregato, Samuele torna a casa con la certezza che la benedizione di Dio avrà un seguito nella vita di Jackson. Ma a Parma ci sono ancora tanti bisognosi da sostenere, adulti e bambini, e tante spedizioni da organizzare per le chiese; senza dimenticare le molte associazioni che chiedono cibo e vestiario per i propri assistiti.

Una settimana fa la segreteria di ACP a Torino ha inoltrato una richiesta d’aiuto a Samuele. Si trattava di una donna che aveva bussato a tante Onlus e associazioni: non riusciva a mettere in tavola un pezzo di pane.

Mentre scriveva ad ACP, si era rivolta a Dio: «Signore, ora basta! Questo è il mio ultimo tentativo, dopodiché non posso fare più nulla!».

L’ultima e-mail è stata quella giusta. «Nella stessa giornata ci siamo sentiti per telefono e ho provveduto abbondantemente alla sua richiesta di cibo. Dio è grande! - esulta Samuele - Di recente, abbiamo anche fornito quintali di tonnellate di cibo alle associazioni lombarde “Sorgente di Vita APS” e “La Finestra del Sole”».

E non finisce qui, ci sono altri importanti progetti su Parma... Dai un’occhiata: https://acphumanitarianaid.it/centro-regionale-di-raccolta-e-distribuzione-di-alimenti-progetto-parma/.

Preghiamo…

> per coloro che sono rimasti senza un tetto dopo alcuni recenti sgomberi e hanno bisogno di tutto;
> per la salvezza delle anime a Parma e in provincia;
> per un locale idoneo alla gestione dei generi alimentari ricevuti.